Team_Coaching

Come (e perché) il Team Coaching funziona

Hai mai lavorato in un team davvero eccezionale? Se sì, conoscerai quella sensazione di eccitazione, spinta e motivazione che infonde l’intera squadra, quel senso di scopo, di avere una missione, il modo in cui la squadra socializza insieme, condivide tutto e si sente come una famiglia felice. È come una magia.

E hai mai lavorato in un team che non vedevi l’ora di lasciare? Se è così, potresti ricordare le discussioni, il puntare il dito, l’evitare le responsabilità, la scarsa produttività, i ritardatari e gli abbandoni anticipati, l’ostruzionismo e il modo in cui odiavi il lunedì mattina. Orribile, vero?

Le grandi squadre non nascono per caso, si costruiscono.

Cos’è un team?

Un team è molto più di un insieme di individui. Un team ha uno scopo condiviso, diverse abilità su cui gli altri fanno affidamento, e un modo di interagire e di comportarsi che permette loro di funzionare più della somma delle loro parti.

Ma non tutte le squadre riescono ad performare a questo livello. Perché no? Le ragioni sono troppo numerose da elencare, e alcune sono complesse. Le motivazioni individuali e collettive, la chiarezza della missione e dello scopo del team, la sua leadership, l’ambiente fisico ed emotivo in cui si trova… tutto contribuisce al rendimento del team in un modo o nell’altro.

Diciamo che state cercando di migliorare il rendimento della vostra squadra o delle vostre squadre. Come procedete? Date loro incentivi basati su obiettivi, bonus o vantaggi? Li minacciate e li persuadete a sforzarsi sempre di più? Nessuno di questi due metodi funziona molto bene per qualsiasi cosa.

Qualsiasi squadra che usa la sua conoscenza, abilità e intelligenza collettiva non è motivata da carote o bastoni. Per saperne di più, leggete il libro Drive di Daniel Pink, o semplicemente guardate il video.

Ma se non siete sicuri di come ottenere il meglio dai vostri team, e farli funzionare al loro massimo, potrebbe valere la pena chiamare un team coach.

Il team coach

Un team coach vede il team come un sistema di relazioni – un gruppo complesso e capace di adattarsi che richiede un alto grado di intelligenza emotiva sociale per prosperare.

Pensate per un minuto alla peggiore squadra in cui avete lavorato. Potrebbero esserci stati molti rimproveri, evitare di assumersi responsabilità, non impegnarsi nei risultati o nelle scadenze, linguaggio sprezzante, disimpegno e peggio.

Mentre i membri del team devono avere le giuste competenze ed esperienze, uno scopo e degli obiettivi chiari e un’autonomia chiaramente delimitata, è solo quando i membri del team hanno completo rispetto e fiducia l’uno nell’altro che le prestazioni del team possono superare la somma delle sue parti.

I membri del team devono voler fare qualcosa extra l’uno per l’altro, per il team. E nessuna quantità di lusinghe lo aiuterà. Ma il team coaching potrebbe farlo.

A questo punto è, credo, importante definire il coaching in generale, e il team coaching in particolare.

Cos’è il coaching?

L’International Coach Federation definisce il coaching come “partner con i clienti in un processo stimolante e creativo che li ispira a massimizzare il loro potenziale personale e professionale, che è particolarmente importante nell’ambiente incerto e complesso di oggi. I coach onorano il cliente come esperto della sua vita e del suo lavoro e credono che ogni cliente sia creativo, pieno di risorse e completo”.

David Clutterbuck, autore di Coaching Teams at Work dice: “I coach agiscono come stimolatori esterni del potenziale che le altre persone hanno dentro di loro. Usano una combinazione di pazienza, intuizione, perseveranza e cura per aiutare il cliente (coachee) a trovare le risorse interne ed esterne necessarie al miglioramento”.

E cos’è il team coaching?

Peter Hawkins definisce il team coaching come “permettere a una squadra di funzionare più della somma delle sue parti, chiarendo la sua missione e migliorando le sue relazioni esterne e interne. È diverso, quindi, dal coaching dei team leader su come guidare i loro team, o dal coaching degli individui in un contesto di gruppo”.

È ovvio da questi, che il coach non è assunto per insegnare o per consultare o anche per fare da mentore. La cosa più importante è riconoscere che, per migliorare le prestazioni del team, è necessario un cambiamento.

E la responsabilità di questo cambiamento è del cliente – la squadra che viene allenata e lo Sponsor che assume il coach. Il coach non può costringere nessun altro a cambiare. Nessuno può.

Il coaching è un processo. È raro che un solo incontro o una sola sessione possa creare risultati di trasformazione; spesso sono necessarie diverse sessioni o interventi affinché il cambiamento duraturo sia incorporato.

Mentre la ricerca mostra che le differenze minori tra un processo e l’altro fanno poca differenza sul risultato (è tutta una questione di relazione), il mio approccio di base al team coaching ha cinque passi:

Accordo

Questa è la prima fase, in cui coach e sponsor definiscono chi fa parte del team e chi no, e le loro parti interessate. Si determinano anche gli obiettivi dello sponsor per il team, gli obiettivi del team e quelli dei loro stakeholder, che devono essere tutti considerati per assicurarsi che non siano in conflitto tra loro.

È imperativo avere un obiettivo chiaramente definito per il coaching, in modo che possa essere mirato e i progressi misurati. Infine si concorda la responsabilità, la logistica e così via.

Indagine (o scoperta)

In questa fase, il coach inizia a cercare il motivo per cui la squadra non sta già raggiungendo gli obiettivi fissati per loro. Cosa li ostacola, come lavorano insieme, quali sono i loro punti di forza e le loro sfide? Questo può includere interviste, valutazioni strutturate, indagini e questionari e/o osservazione diretta.

Questa fase si conclude con una relazione per lo sponsor che evidenzia i punti di forza che il team possiede e che possono essere sfruttati, e le sfide che devono affrontare, così come una proposta su come il coaching può aiutarli a superare queste sfide.

Le organizzazioni spesso ottengono molto da questo, in quanto un punto di vista esterno può evidenziare questioni che vengono date per scontate, trascurate, ignorate o semplicemente accettate.

Progettare l’alleanza

Questa fase riguarda la costruzione o il rafforzamento dell’alleanza del team – la creazione di una mentalità collettiva che mette al primo posto il team e i suoi obiettivi, la creazione di accordi sui comportamenti e i rituali per i quali i membri del team si ritengono reciprocamente responsabili.

È anche necessario creare un’alleanza tra il team come entità propria e il coach, perché nel team coaching il cliente è il team nel suo insieme, non i singoli individui che lo compongono.

Esecuzione

In questa fase, avviene il coaching vero e proprio. In qualsiasi periodo sia stato concordato, il coach tipicamente facilita una serie di interventi regolari – workshop, sondaggi, gruppi di discussione ecc. – al fine di rivedere i dati e i progressi recenti, acquisire nuove intuizioni e conoscenze, e concordare cosa deve essere fatto, da chi e quando.

Mentre il coach è fortemente coinvolto in queste sessioni, la maggior parte del lavoro avviene tra una sessione e l’altra, quando i membri del team portano avanti le azioni che hanno concordato, spesso in assenza del coach.

A seconda dell’urgenza del bisogno, della disponibilità della squadra (e del coach) il coach può lavorare a tempo pieno per un cliente, passando la maggior parte del tempo ad osservare la squadra in azione, intervenendo su una base ad hoc come necessario.

In queste situazioni, il coach deve scegliere tra più stili di intervento, dal semplice menzionare ciò che è stato osservato e portarlo all’attenzione della squadra, al chiedere spiegazioni o chiedere se ci sono alternative, fino ad approcci più diretti di suggerire soluzioni o opzioni.

La maggior parte delle volte, il coach è orientato verso un approccio facilitativo, poiché raramente il coach è più esperto delle persone allenate; sono, dopo tutto, esperti nel loro lavoro.

È altrettanto comune, tuttavia, che i team coach siano presenti – e quindi pagati – solo per il tempo speso negli interventi programmati, cioè su una base part-time. Questo significa che il cliente massimizza il valore del denaro, e permette al coach di costruire relazioni con più di una squadra o cliente alla volta.

Revisione

Questa fase, e la precedente, sono ricorrenti. Dopo una quantità concordata di tempo di esecuzione, si tiene una revisione in cui il team viene valutato rispetto ai risultati concordati per l’impegno di coaching per vedere quanti progressi sono stati fatti.

È un evento chiave per assicurare che a) lo sponsor stia ottenendo valore per l’investimento nel coaching, b) il team stia progredendo, c) il team possa fornire un feedback al coach e allo sponsor dalla loro prospettiva, e d) ci sia l’opportunità di terminare l’impegno se non si stanno facendo progressi.

Ci possono essere diverse ragioni per cui il progresso può essere più lento del previsto: il team può non voler essere allenato (anche se il coach dovrebbe determinarlo durante le prime fasi dell’impegno), o gli obiettivi dichiarati possono essere contrastati da altre forze organizzative o personali non identificate.

Dopo aver esaminato i progressi compiuti fino a quel momento, il team, il coach e lo sponsor possono concordare di procedere oltre, di modificare gli obiettivi o di terminare l’impegno.

A cosa serve un team coach?

Un coach di sistemi relazionali è più prezioso quando un gruppo di persone che lavorano a stretto contatto (o ne hanno bisogno) riconoscono che non stanno raggiungendo gli standard fissati per loro – o gli standard che loro stessi hanno fissato – e hanno bisogno di aiuto. Un consulente suggerirebbe opzioni di soluzione, ma potrebbero non essere applicabili all’ambiente e alla situazione unica della squadra, quindi i cambiamenti non si “attaccano”.

Un coach sbloccherà il pieno potenziale di tutta la saggezza che vive intrinsecamente in ogni membro di quella squadra, e la allineerà con gli altri nella squadra per raggiungere risultati altrimenti impossibili. È più probabile che i cambiamenti che la squadra si inventa da sola siano duraturi, specialmente se il coach li ha aiutati a costruire un’alleanza progettata e i membri della squadra si tengono reciprocamente responsabili dei loro accordi.

I miei interventi di coaching vi aiutano in queste situazioni:

– Gestione dei conflitti

– Allineamento del team

– Sfruttare la diversità

– Chiarimento dei ruoli

– Gestione del cambiamento

– Aumentare la sinergia del team

– Migliorare il feedback

– Processo decisionale

Fatemi sapere se volete discutere con me di coaching per il vostro team.